Il Piano Eterno
da Pattine alle casere Erera e Brandol 1708 m - 2 Marzo 2008 

Colonna sonora: "Accarezzami domani" - Gatto Panceri   StopPlay

Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire.
Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire.
Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire.
Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire.
Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire.
Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire.
Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire. Clicca qui per ingrandire.

Il Piano Eterno

"L'altipiano di Erera, che si estende grandioso ed irregolare fra il Pizzocco ed il Gruppo del Cimonega ad un'altezza media di 1700 m, un pascolo di eccezionale bellezza alpestre, eremo solitario e silente, caratterizzato da rilevanti fenomeni carsici, con grotte e doline e corsi d'acqua profondamente scavati nella scorza superficiale. Il toponimo quindi perfettamente azzeccato. Tutt'intorno una cerchia di monti dall'aspetto lunare; stranissime conformazioni geologiche dai colori pi svariati: dal grigio all'ocra, alle striature verdi e bianche... Un regno incantato che tutti dovrebbero  conoscere (e naturalmente, rispettare). A nord le ripide fiancate erbose e rocciose delle Pale Rosse e Monte Brandol; a sud le creste grigio-bianche del massiccio del Pizzocco. D'inverno il Piano Eterno assume l'aspetto di un grande lago gelato coperto di neve e le malghe due grossi barconi alla deriva..."

(da: "50 escursioni in Val del Piave - da Peralba a Quero" di Italo Zandonella pagina n. 243 - Tamari Editori in Bologna settembre 1977)

 

Ritorna alla Home Page di Luciano Marcato